Biofach 2017

0

Record di presenze per l’edizione 2017 della Biofach, la kermesse dedicata ai prodotti alimentari biologici svoltasi insieme a Vivaness, salone internazionale dedicato alla cosmesi naturale, dal 15 a 18 febbraio scorso a Norimberga. I 47.543 metri quadrati del Messezentrum hanno accolto oltre 50mila addetti ai lavori da giunti 134 paesi per visitare i 2.785 espositori (259 della Vivaness) provenienti da 88 paesi. Nutritissima la presenza italiana come abbiamo potuto constatare di persona noi di buongiorno italia. Abbiamo visitato gli stand di diversi produttori di olio, vino, pasta, farine, salumi, formaggi alla ricerca delle novità e delle eccellenze provenienti dal nostro paese. L’Italia è infatti il paese leader in Europa nella produzione di prodotti biologici con un fatturato complessivo (tra export e consumi interni) stimato attorno ai 3 miliardi di euro annui e con circa 70mila addetti nel settore. E’ naturale dunque che la Biofach abbia attirato tante ditte italiane, attratte dal carattere internazionale e dall’importanza della fiera e dal mercato tedesco, tra i più importanti al mondo.
La Germania è infatti in pieno bio boom come dimostrano i dati resi noti dal Bund Ökologische Lebensmittelwirtschaft (BÖLW) relativi al 2016, anno in cui i tedeschi hanno speso il 9,9% in più per i prodotti alimentari biologici il cui fatturato è salito a 9,48 miliardi di euro. Il trend di crescita coinvolge in generale tutti i paesi dell’Unione Europea dove il fatturato degli alimenti biologici ne 2015 è stato pari a 27,1 miliardi di euro facendo così registrare una crescita del 13% rispetto all’anno precedente. In aumento anche le superfici coltivate bio salite di quasi un milioni di ettari in un anno (+ 8,2%) fino a toccare gli 11, 2 milioni di ettari complessivi (il 6,2% delle superficie complessiva coltivata è vocata a prodotti biologici). Questo trend è importante anche per i ristoratori. Infatti sono sempre più i locali che offrono menu con prodotti biologici alla luce degli orientamenti dei consumatori.
Per maggiori informazioni: www.biofach.de

Comments are closed.